News dal Delta del PoNews dal Delta del Po EventiEventi EscursioniEscursioni SpettacoliSpettacoli
Escursioni, Itinerari e viaggi nel Delta del Po
Torre Abate Oasi Naturale
Dove
Mangiare e
Dormire

Birdwatching d'inverno

valle ca' pisaniRichiedi informazioni ›

Giorno 1
Partendo da Porto Levante si entra nella cosiddetta “via delle valli”, una strada panoramica che corre tra le valli da pesca, peculiarità ambientale e paesaggistica unica dell’Altoadriatico. In questi bellissimi ambienti si osservano facilmente i fenicotteri, ma sono numerose anche altre specie svernanti, come il fischione, l’alzavola, il mestolone, numerosi limicoli, aironi e molto altro. Dopo aver costeggiato alcuni specchi d’acqua lagunari, la strada si avvia verso l’entroterra, seguendo il Po di Maistra, uno dei siti più selvaggi del Delta, all’interno del quale troviamo i dormitori più importanti del Mediterraneo di cormorani e dei rari marangoni minori. Negli anni scorsi, anche alcune specie di aquila, come l’aquila imperiale, l’aquila di mare e l’aquila anatraia maggiore, provenienti dall’estrema Siberia, hanno eletto questi luoghi quali siti di svernamento. Nel pomeriggio, dopo la pausa per il pranzo, ci si imbarca da Ca’ Tiepolo sul pontone, per un'escursione lungo il Po di Maistra, all’interno di un paesaggio affascinante e suggestivo.

Giorno 2
Escursione lungo la Sacca degli Scardovari, partendo da Porto Barricata, alle foci del Po di Tolle, si arriva presso le foci del Po di Gnocca, dove si aprono i canneti del Bacucco. È famosa per essere utilizzata dall’uomo per l’allevamento di vongole e mitili. Ma in questo ampio bacino vivono anche una grande quantità di rari uccelli acquatici che svernano, come il marangone dal ciuffo, il voltapietre e la beccaccia di mare. Vi è inoltre la concreta possibilità di avvistare anche rari visitatori dall’estremo nord, come la strolaga minore, la strolaga mezzana e lo smergo minore, solo per citarne alcuni. Circa a metà del percorso si visita a piedi l’Oasi di Ca’ Mello, paleoalveo fluviale dominato da acque dolci che creano una pregevole discontinuità con l’ambiente circostante. Qui sostano numerose specie di Passeriformi di canneto, aironi di varie specie, come pure molti rapaci. Dopo la pausa per il pranzo, la giornata prosegue con un’escursione in barca di piccola stazza presso la foce del Po di Gnocca, dove è meraviglioso perdersi nel dedalo di canneti che caratterizzano questo sito. Le specie di avifauna che qui si avvistano sono legate ad aree di questo genere, e sono il falco di palude, anatidi vari, e molto altro.

Scarica il programma completo